Articoli

Considerazioni

Progetti

 

Benvenuto

Se qualche imprecisato motivo ti ha condotto qui, benvenuto!

Quello che vedi è il mio sito personale, un luogo che tengo per me ma che condivido volentieri; ci troverai molto di me e dei miei interessi, ma mi farebbe piacere se divenisse un luogo in cui torneresti volentieri; qui parleremo di tutto, dallo sport alla musica, di informatica e hi-tech, del mio mondo e, se lo vorrai, anche del tuo. Se ti piace scrivere registrati e inizia a pubblicare i tuoi contributi; mi farebbe piacere creare una community dinamica, allegra e alla buona, parlando di tutto sempre con un sorriso, e magari un bicchiere di buon vino.

Chiunque avrà la possibilitare di pubblicare il proprio articolo dopo essersi registrato gratuitamente. Se tutto questo ti interessa, benvenuto!

Armando Mancini

Addio al tastierista dei Pink Floyd Richard Wright

Addio al tastierista dei Pink Floyd, artista e persona raffinata, sottovalutato talento autore di alcune delle più belle canzoni dei Pink Floyd. (si spegne a 65 anni Richard Wright, uno dei fondatori del gruppo rock Pink Floyd)

I pink floyd al live8Il 2007 è stato l'anno delle reunion di band storiche come Genesis, Led Zepelin e Police; i risultati hanno dimostrato che nonostante gli anni siano passati per tutti, i vecchi dinosauri sanno ancora suonare (e bene)... In una intervista al "Sun" il batterista dei Pink Floyd ha ventilato l'ipotesi di una reunion dei Pink Floyd con il "transfuga" Roger Waters

I Pink Floyd sono da sempre il mio gruppo rock preferito: maestri del suono, sperimentatori, viaggiatori del tempo e dello spazio; dei Pink Floyd si è detto tutto e il contrario di tutto, perdendo forse di vista un dato fondamentale: sono stati dei formidabili musicisti.

Sentire una canzone dei Pink Floyd spesso significa avere un'esperienza che supera la pura dimensione acustica, ma diventa esperienza multisensoriale...

ImageUn disco che ha fatto storia già solo dalla copertina "della mucca", in realtà si coglievano già i segni che avrebbero poi generato "The dark side of the moon"; una suite lunghissima come di moda allora (siamo nel 1970), accompagnata da cori e un intro di chitarra talmente inconfondibile da essere scelto per moltissime pubblicità (in Italia per l'acqua Sangemini), è considerato da molti un capolavoro, un monumento al rock progressivo... Anche Kubrik avrebbe voluto usarla per "Arancia meccanica", ma per fortuna non se ne fece niente....